Cappella iemale attigua alla Chiesa prepositurale

L’edificio dell’inizio del XV secolo, orientato ad ovest, raggruppa un resto della parrochiale del XIII secolo della quale sono state ritrovate tracce nell’ambito dei recenti scavi archeologici concomitanti con i lavori di rifacimento del pavimento della prepositurale.
L’oratorio è ricco di opere d’arte: tra queste citiamo l’altare barocco dello stuccatore Antonio Catenazzi di Mendrisio del 1711, quando il parroco di Novazzano era Giovanni Battista Catenazzi, suo parente, e “I’ultima cena” fedele trascrizione del grande modello leonardesco con due varianti: la spazialità prospettica è ridotta e le tre finestre dell’originale sono diventate due; pur se non porta la firma è senza dubbio opera di Giovan Battista Tarilli di Cureglia.

La parrocchia ha in programma il restauro di questo prezioso oratorio.

Ultima cena